We for Humanity

I sopravvissuti all’Olocausto considerano loro dovere proteggere i loro simili con le loro conoscenze.

I sopravvissuti all’Olocausto consegnano una lettera di appello all’EMA

Il 25 agosto 2021, i sopravvissuti all’Olocausto e i loro parenti hanno consegnato una lettera aperta all’autorità di approvazione europea EMA di Amsterdam. Accusano le autorità di non informare le persone sui rischi e sulle conseguenze della nuova terapia Covid.

“Una divulgazione onesta del vero numero di persone ferite, gravemente ferite e decedute da vaccini in tutto il mondo è attesa da tempo. Ora, sono diventate milioni di persone. Dateci numeri reali delle vittime della vaccinazione Covid”, chiedono gli autori.

“Per favore, porta la lettera alla persona giusta, assicurati che se ne occupi”, si appella Amira Segal mentre consegna la lettera allo staff dell’EMA. Alcuni dei loro antenati sono morti durante la seconda guerra mondiale, per esperimenti medici.

In definitiva, siamo noi che dobbiamo garantire la vita, la libertà e la sicurezza dei nostri figli. Sta a noi fare in modo che i sopravvissuti dell’Olocausto siano ascoltati, e quindi ognuno di noi.

Non importa cosa decidiamo, la decisione deve essere informata, libera da coercizione, influenza e costrizione, e basata su dati veritieri.

Entra a far parte della famiglia di “We For Humanity”, che si batte per una vita di libertà, autodeterminazione, dignità e sincerità.


Firmando, ti assicuri che i sopravvissuti all’Olocausto siano ascoltati. E così siamo tutti.

5417 firme raccolte finora.


Make sure that Holocaust Survivors are heard.